RIABILITAZIONE DEI CARNICERIE REALI
21 Febbraio, 2018
RESTAURO ANFITEATRO ROMANO DE OBULCO
19 Febbraio, 2018
cabecera-dos-torres

DUE TORRI

SCHIZZI  |  PIATTO  |  IMMAGINI

Promotore

Illustreous Town Hall of Porcuna (Jaén).

Posizione

Autostrada A-306

Architetto

Pablo M. Millán Millán

Contributori

Inmaculada Cervera (Arquitecta)
Javier Serrano Terrones (Architetto tecnico)
Javier Bengoa Díaz (Ingegneria)

DUE CITTÀ, DUE ALTEZZE, DUE COLONNE, DUE TORRI.

Ci viene chiesto di pensare a un luogo privo di tutto, a un bivio. Penseremo a due rotatorie situate tra due città. Da una parte la città dei morti, la necropoli iberiche di Cerrillo Blanco (sito archeologico in cui avete trovato il più grande scultura conosciuto tempo iberica) e in tutta la città di Porcuna (Ibolca in íbera, Obulco in epoca romana , Bulkuna in tempi musulmani).

Intervenire tra questi due contesti presuppone il pensare in una scala e dimensioni diverse. Due elementi che saranno icone nel territorio e che collegheranno l’accesso a una città come a un’altra. Sarà una porta di accesso. Il progetto prevede di creare due elementi simmetrici, come gli stipiti di una porta.

Due importanti colonne realizzate in pietra Porcuna e configurate come due torri, realizzate da scalpellini locali.

Come ha detto Pomponio Mela in Cartografias: “E ‘stato lo stesso Ercole che separava i due monti insieme (Abila e Calpe) come una serie continua ed è così che l’oceano, il contenuto prima che la maggior parte delle montagne, ha inaugurato i luoghi che ora inondano: da qui il mare si diffonde più estesamente e avanzando con grande forza taglia le terre che si allontanano e rimangono molto più lontane. (Pomponio Mela, Corography, I5, 27). Queste due montagne furono separate da Ercole e collocate in ciascuna di esse una colonna da ricordare eternamente.

Le due torri (due colonne) identificheranno il deposito e la sua unione diretta con Porcuna. Due montagne, due città, due nature, due colonne, due torri.

Schizzi

Piatto

Imaggini