RIABILITAZIONE DEI POSTI REALI CAMERE
21 Febbraio, 2018
RIABILITAZIONE DEI CARNICERIE REALI
21 Febbraio, 2018
01_CAPILLA

CAPPELLA SANTÍSIMO SACRAMENTO

SCHIZZI  |  PIATTO  |  IMMAGINI  |  VIDEO

Date di inizio

1 ottobre 2016

Date di fine

30 gennaio 2017

Promotore

Arcidiocesi di Siviglia

Posizione

Parrocchia di Nostra Signora del Rosario. Plaza de Andalucía, 17. Martín de la Jara (Siviglia)

Architetto

Pablo M. Millán Millán

Costruttore

Juan Lola Construcciones

Fotografia

Javier Callejas

Contributori

Javier Serrano Terrones (Architetto tecnico)

VISITARE IL SOLE CHE NASCE DALL’ALTO.
In quibus visitavit nos, oriens ex alto.

Sulla cappella del Santissimo Sacramento di Martín de la Jara (Siviglia)
Pablo-M. Millán Millán

Pensate uno spazio per ospitare il Santissimo Sacramento è di pensare un’area molto specifica all’interno di un tempio, il Santo dei Santi, un luogo per l’incontro con Dio. Se analizziamo come nel corso della storia dell’architettura sono stati materializzando questi spazi, vediamo una radicale importanza della geometria e forte direzionalità. Con queste premesse, Diego de Siloé disegnare un nuovo piano di rinascita per la cattedrale di Granada con l’intenzione di essere un imponente custodia o poi Leonardo de Figueroa farà lo stesso con il barocco di San Luigi dei Francesi.

Ogni giorno, da est a ovest, con clarear di un nuovo mattino, la Chiesa cattolica si ripete nella sua preghiera delle Lodi del cantico “Benedictus”. Il movimento della terra significa che, ogni ora, in qualche angolo del mondo, la notte sta cedendo il passo alla chiarezza e questa preghiera scaturisce. E ‘lo stesso che narra l’evangelista Luca (Lc 1, 78), è emerso come la lode dalla bocca di Zaccaria, padre di Giovanni Battista, quando ha saputo della prossima nascita di suo figlio, un fatto che avrebbe cambiato la vita, annullando il debito che lo aveva lasciato senza parole a causa della sua mancanza di fede.

In questo cantico, quasi alla fine, si dice “per la tenera misericordia del nostro Dio, il sole che viene dall’Alto ci visiterà”. La luce, secondo l’esperienza teologica di Zaccaria viene dall’alto ed è la prova quotidiana della bontà di Dio al suo popolo. Dimostrare questa verità è stata senza dubbio lo scopo di creare uno spazio in cui solo un’apertura presentarsi ogni giorno per i parrocchiani cappella che Dio è con il suo popolo.

La costruzione di questa piccola cappella inizia dalla necessità della chiesa adiacente di introdurre la luce. Così, il progetto nasce da una sola riflessione, creando “una scatola per la luce” con il doppio significato di essere una scatola contenente luce per il resto del tempio e un luogo che conterrà la Luce per tutti i cristiani: il Santissimo Sacramento. luce di ricerca, forse il compito più importante di ogni architetto, è diventato dormiente in questo progetto, facendo uno spazio contenitore per la vostra guida e l’apertura in testa di essere in grado di introdurre chiarezza in tutta la chiesa. Quindi, l’intera superficie sarà bianca e pulita. Seguendo questo stesso criterio, il pavimento del resto del tempio sarà cambiato con l’obiettivo di una maggiore luminosità.

La ricerca di uno spazio nudo essenziale, nessun elemento che possa distorcere il radicale importante in una cappella sacramentale, ci ha portato ad optare per un francescano, sobrie, pulizia delle forme e l’architettura ornato. La precisione desiderata in uno spazio di queste caratteristiche sarà determinata da un rigoroso, geometria radicale, senza alcuna possibilità che possa causare dispersione. Così, uno spazio concentrato sarà uno spazio luminoso e pulito, uno spazio in cui il Santissimo Sacramento è il centro, e quasi teofanica, la luce è la prova.

Schizzi

Piatto

Immagini

Video