APPLICA JAÉN
19 Maggio, 2017
GRECIA E ROMA NEL LAVORO DI LOUIS I. KAHN (CHILE)
20 Ottobre, 2017

GALLERIE ROYAL POSIZIONE DI CARLOS IV

CERCO DI SPAZIO FRA LE ROVINE

“Questa è l’architettura del Museo, idealmente senza muri, porte, finestre o tutte quelle difese che sono evidenti, pensate e ripetute. I musei che raccolgono ciò che era in palazzi, o chiese, o capanne, o soffitte, coperti di gloria o polvere, piegati sotto il materasso di un letto, e che ora mi osserva in silenzio, in una luce indifferente a ciò che si muove troppo. ” Con questo frammento di Álvaro Siza, la sensazione di una stanza del museo è perfettamente catturata.

Anche se vogliamo che lo spazio di cui ci occupiamo sia un luogo con un’entità in sé, indipendente dall’uso, dopo l’intervento sarà destinato a ospitare diverse sale per il Museo Archeologico della città di Porcuna. Pensiamo a un ambiente senza porte, senza finestre e senza pareti, un posto coperto da un tappeto. Semplicemente, un tappeto che ci permette di vagare tra i resti archeologici cercando lo spazio tra le rovine.